Pennelli d’arte: come sceglierli

Per chi è un neofita nel mondo della pittura, l’universo dei pennelli sembra un gigantesco turbinio di specifiche tecniche, materiali e caratteristiche difficili da comprendere. Basta poco però per capire che ogni pennello d’arte è a sé e quei piccoli dettagli che lo diversificano da tutti gli altri sono necessari a dare un tocco caratteristico sulla tela per ottenere un risultato speciale e unico.

Il Pennellificio Borciani e Bonazzi questo lo sa molto bene e, infatti, è da oltre mezzo secolo il punto di riferimento per tutti coloro che cercano un pennello di qualità, realizzato con materiali di prima scelta e, soprattutto, artigianale.

Resta però il dubbio: come scegliere un pennello d’arte che faccia al caso proprio?

Come scegliere il pennello migliore per le proprie esigenze

Quando ci si trova davanti a tutti i pennelli messi a disposizione ad esempio dal pennellificio Borciani e Bonazzi ci si chiede come sia possibile scegliere e, soprattutto, identificare lo strumento giusto per le proprie esigenze.

Il vantaggio però di riferirsi ad un’azienda storica e che ancora produce a mano i pennelli è proprio questo: poter chiedere aiuto. Dal 1951, quando i coniugi Borciani insieme al cognato Bonazzi diedero vita al pennellificio, il cuore pulsante del progetto è sempre stato quello di realizzare serie di pennelli perfetti per tutti. Una mission che prosegue ancora oggi con l’iniziativa #designedwithartistsinmind che mira a realizzare pennelli ascoltando le esigenze degli artisti.

Scegliere un pennello d’arte quindi, alla fine, potrebbe risultare un’operazione persino più facile del previsto con l’aiuto dei professionisti di Borciani e Bonazzi. Chiaramente il primo step da fare è capire quale tecnica pittorica si vuole approcciare e iniziare quindi a analizzare i pennelli specifici.

Di cosa tenere conto durante la scelta?

Una volta affrontato questo primo step ci si può rivolgere a chi già dipinge con costanza, ma anche agli esperti del pennellificio proprio per capire qual è lo strumento migliore. Se siete dei neofiti e state ancora sperimentando diverse tecniche pittoriche magari un pennello a punta tonda, maneggevole e leggero potrebbe essere un buon compromesso. Chiaramente però se state sperimentando l’acquerello avrete bisogno di un pennello con un filato in grado di assorbire molta acqua e rilasciarla lentamente. Al contrario invece se state approcciando la pittura ad olio potreste aver bisogno di un pennello in martora o in setola naturale.

Insomma, scegliere i pennelli d’arte in totale autonomia non è semplice. Fortunatamente però oltre all’aiuto fornito dal servizio assistenza di Borciani e Bonazzi non dimenticate che potrete anche guardare i video tutorial presenti sul sito del pennellificio per capire le caratteristiche principali pennelli e approfondire di più quelli che sono in linea con le vostre esigenze pittoriche. L’arte non ha confini!

Vota l\'articolo