Il Boom nel Noleggio a Lungo Termine per le Aziende

Gli italiani (e le aziende italiane) usufruiscono sempre più spesso dell’automobile a Noleggio. Anche il noleggio a Lungo Termine per le aziende . È boom, insomma, per le vetture noleggiate a lungo termine dalle aziende (vieni  a scoprire i servizi esclusivi su https://www.antaresrent.it/), ma sempre più spesso anche dai privati: questo ce lo dimostra la ricerca realizzata da ANIASA (Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici), con origine i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Da quanto raccolto, infatti, le immatricolazioni delle auto a noleggio hanno raggiunto, nell’anno 2019 appena trascorso la cifra record di 460.000 unità, con una crescita significativa,  del 6,1%, rispetto ai dodici mesi precedenti. Il servizio di noleggio la lungo termine per le aziende si conferma, quindi, sempre più una soluzione “sostitutiva” all’acquisto dell’auto.

Oltre a questo il report sopra ci evidenzia come già dal settembre dell’anno scorso il settore del Noleggio a Lungo Termine avesse superato la quota record di 1 milione di veicoli in circolazione. Una cifra davvero molto significativa e che sembra, nei prossimi anni, destinata ad aumentare in modo esponenziale anche grazie alle tariffe sempre più convenienti.  Ne consegue che, davanti alle incertezze dello scenario economico, normativo e politico che contraddistinguono il nostro Paese, davanti alla difficile scelta per quanto riguarda l’alimentazione dei propri mezzi di trasporto,  la clientela del noleggio preferisca prorogare i contratti già sottoscritti piuttosto che optare per un rinnovo completo della flotta. Non vi è dubbio quindi che questa formula di utilizzo dell’auto, alternativa all’acquisto, sia sempre più apprezzata dalle aziende di ogni dimensione e dai liberi professionisti, grazie anche alle detrazioni a loro concesse. Allo stesso modo va evidenziato un parallelo incremento anche del Noleggio di veicoli commerciali (213.000), sempre più utilizzati, soprattutto nei centri cittadini. Questo anche in conseguenza dell’aumento dei servizi di consegna, che si è ulteriormente sviluppato in virtù del crescente ricorso al mercato degli acquisti online.

Vota l\'articolo